Un'errata applicazione di una direttiva sulla protezione dei dati personali

  • -

Una sentenza dell’alta corte europea ha dato ragione ad una cittadina messicana, i cui diritti alla riservatezza erano stati violati durante una serie di interviste televisive.

Continua a leggere su: PUNTO SICURO